DIGITAL MARKETING E LAVORO: ECCO LE PROFESSIONI PIÙ RICHIESTE

L’impatto della diffusione di computer, smartphone, tablet, internet ad alta velocità e social network, è stato profondissimo e spesso la gran parte del ciclo di vendita di moltissime aziende “vive” online, dalla ricerca delle informazioni, allo studio delle caratteristiche dei prodotti, fino alla richiesta di preventivi.

Il digital marketing, che aiuta a promuovere online l'azienda nei confronti dei suoi clienti attuali e potenziali, diventa quindi un settore cruciale e ricco di opportunità lavorative.

DIGITAL MARKETING: DI QUALI PROFESSIONI PARLIAMO?

Chi investe nelle proprie competenze digitali ha un ampio ventaglio di opportunità ma deve scegliere con cura quale cogliere: lavorare come freelance o come dipendente, per una multinazionale o per una impresa piccola o media, per una start-up o in ambito e-commerce. Le differenze sono radicali. Ogni settore ha le proprie caratteristiche, virtù e limiti, che andranno presi in considerazione con grande attenzione tenendo conto non solo delle proprie competenze professionali ma anche (e soprattutto) delle proprie predisposizioni umane e caratteriali. La regola d’oro è: meglio essere vincente in una nicchia che andare in difficoltà navigando in un mare più ampio.

Questa scelta indirizzerà anche le successive: vorremo essere degli Specialist, dei Generalist o dei Manager?

Specialist è chi ha competenze in una specifica area (es. SEO/Social media/web analytics etc.); Generalist è chi invece ha competenze meno approfondite sull’area specifica ma più ampie sull’universo digital marketing nel suo complesso. Manager è, infine, chi in passato è stato operativo in posizione di specialist/generalist e ha così maturato quell’esperienza adatta a coordinare il lavoro di altri specialist/generalist.

COME SCEGLIERE IL PROPRIO SETTORE?

La scelta va fatta sempre in funzione delle proprie attitudini naturali e tenendo in considerazione l’eventuale background formativo o professionale precedente. Ad esempio, le Digital PR sono la naturale evoluzione digitale dell’ufficio stampa: in questo ambito, chi è stato un giornalista può guardare con grande interesse alla figura del Web content editor, mentre un grafico strizzerà l’occhio a un inquadramento come User experience specialist.

Ancora, chi ha conoscenze approfondite in gestione delle crisi o delle relazioni esterne, ha buone possibilità come Social media manager o Community manager, mentre chi ha avuto a che fare con la matematica e la statistica dovrebbe guardare con maggior interesse al settore delle Web analytics.

Chi ha buone conoscenze teoriche e strategiche in ambito marketing, può specializzarsi in ambito SEO (ottimizzazione del posizionamento dei siti sui motori di ricerca), SEM (creazione di annunci a pagamento sui motori di ricerca) o, più nello specifico, campagne di advertising (anche social), mentre chi ha una forte esperienza come Commerciale può certamente avere una marcia in più formandosi tecnicamente in ambito E-commerce.

In generale, per riassumere, in ambito SEO, SEM, Web Analytics ed E-commerce è richiesta un’attitudine maggiore ai numeri e all'analisi causa-effetto, alla misurazione, all’analisi. In ambito social media, digital PR e content, invece, una maggiore propensione alle relazioni e alla comunicazione.

Chi vuole puntare a un ruolo come Digital marketing manager deve, infine, conoscere tutte le varie discipline che compongono il settore e possedere competenze miste tra contenuti, relazioni, numeri e analisi, oltre ad un forte orientamento al risultato e buone capacità di gestione del team di lavoro poiché si troverà a capo di una squadra.