LA SFIDA PIÙ IMPORTANTE PER IL FUTURO? L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA

Call2Net è un network di 600 postazioni di Call Center distribuite sul territorio nazionale e calibrate sulle esigenze delle imprese. Grazie a servizi avanzati di call center inbound e outbound, Call2Net è in grado di offrire un vera integrazione dei propri servizi nelle attività dell’azienda. Per conoscere meglio questa realtà, la cui sede principale si trova Milano, abbiamo intervistato Pier Maria Salvagno, Presidente & Partner Call2Net S.p.A.

Grazie a quale intuizione è nata Call2Net? Quali sono mission e filosofia del gruppo?
Call2Net nasce dall’acquisizione circa 10 anni fa di una precedente società che da qualche anno stava tentando di sviluppare sul territorio nazionale un network di call center in franchising di piccole dimensioni con l’intento di essere più vicini ai clienti e di gestire in maniera più coinvolgente il personale grazie alle dimensioni ridotte. Il modello ha funzionato arrivando ad avere fino a 15 strutture con la holding che gestiva tutti i servizi delegando ai call center solo l’attività di produzione. La filosofia del Gruppo è sempre stata la particolare attenzione alla formazione delle risorse umane per creare un gruppo di lavoro coeso e coinvolto. La nostra mission è pertanto la fidelizzazione dei clienti attraverso la qualità dei servizi offerti.

Oggi Call2Net è fra le principali aziende italiane del settore. Quali  sono stati gli snodi principali della crescita conseguita negli anni?
Una volta raggiunta la prima fase di crescita ci si è resi conto dell’impossibilità di “fare il salto” di fatturato e dimensioni senza delle strutture proprie: a questo punto è nato il contact center di Milano, punto di riferimento del network, e sono state man mano acquisite le strutture periferiche anche coinvolgendo come soci alcuni franchisee.

Quali sono le sfide più difficili che l’azienda ha incontrato durante il percorso? E quali, invece, quelle più importanti da intercettare per il futuro?
La sfida più difficile è stata proprio l’ulteriore evoluzione del suddetto modello per poter permettere all’azienda di completare la crescita e seguire l’evoluzione del mercato: l’ultimo passaggio ha infatti comportato un’ottimizzazione delle strutture per renderle più efficienti e produttive. Oggi le società del Gruppo appartengono tutte alla holding.
La sfida più importante per il futuro è l’innovazione tecnologica, in particolare l’Intelligenza Artificiale che modificherà molto il nostro modo di lavorare nei prossimi 3/5 anni. Per questo abbiamo appena investito in una start up innovativa (NAMU S.r.l.) che svilupperà questo progetto.

Lei ricopre la figura di Presidente di Call2Net. Quale percorso ha seguito in azienda? Quali sono le difficoltà maggiori che incontra quotidianamente nel suo lavoro, nella gestione delle risorse interne dell’azienda e quali, invece, gli aspetti più gratificanti?
Come imprenditore ho avuto il privilegio di far nascere quest’azienda (come detto) e pertanto ho sempre ricoperto questo ruolo istituzionale.
Nel nostro lavoro il rapporto con le persone è fondamentale, difficile ma affascinante, aiutare i propri collaboratori e sentire la stima reciproca soprattutto nei momenti di difficoltà è la cosa che più mi gratifica e mi aiuta a superare le difficoltà.

Il gruppo SGB Humangest vi supporta da tempo nel vostro percorso di crescita. Come è nata questa collaborazione e come si è evoluta negli anni? Quali servizi del nostro gruppo si sente di suggerire?
Nasce dallo sviluppo del rapporto con una società del gruppo di nuova acquisizione che apprezzando la vostra professionalità e disponibilità ha sponsorizzato la collaborazione con la holding che ha permesso a tutte le società del gruppo di godere dei vostri servizi.
Posso consigliare in particolar modo il servizio di staff leasing e di somministrazione di cui abbiamo usufruito molto.