LE EMOJI INVADONO LE MAIL DI LAVORO E AUMENTANO LA PRODUTTIVITÀ

Se contassimo quante ne utilizziamo ogni giorno, non ci crederemmo neanche noi.
Parliamo delle emoji, le simpatiche "faccine" che spopolano soprattutto nelle app di messaggistica istantanea, ma che a sorpresa, sembrano aver invaso anche la posta elettronica del nostro ufficio.
Addirittura, una ricerca di Trello, app di project management, rivela che usarle aiuta a migliorare la produttività e distende i rapporti tra colleghi.
Le emoji sono apprezzate per la loro immediatezza e migliorerebbero la comunicazione del team, rendendola divertente, "leggera" e, quindi, più efficace.
L'uso di faccine nella comunicazione appartiene già al 67% degli intervistati: basti pensare che ogni giorno, solo su Facebook, vengono inviate oltre 900 milioni di emoji. Questo dato, che non tiene conto di altri, famosi strumenti di messaggistica ampliamente utilizzati, rende l'idea di quanto, oggi, la comunicazione non verbale passi attraverso immagini che rappresentano in maniera chiara e veloce quello che pensiamo. 
È sottointeso che nelle comunicazioni formali, questo tipo di linguaggio è assolutamente bandito, ma nello stile comunicativo del team di lavoro, che c'è di male nell'aggiungere una faccina?
Se un collega ci fa una richiesta via mail, allegando una simpatica emoji, in fondo, non è un modo ancor più simpatico e disteso di lavorare?
La ricerca, infine, conferma che l'uso di emoji aumenta l'intelligenza emotiva del gruppo, favorisce le interazioni positive e amichevoli tra i colleghi e crea un clima sereno a lavoro, che è l'ideale per lavorare bene.
E visto che il 61% dei manager e dei datori di lavoro approva l'uso di faccine per i risultati in termini di scambio di informazioni, allora, emoji per tutti!



Designed by Freepik / Freepik