CONCENTRAZIONE: 5 STRATEGIE PER MIGLIORARLA

Tra notifiche, riunioni e pensieri, è sempre più difficile mantenere la concentrazione a lavoro. In un interessante articolo per GQ, Fabiana Salsi ci propone 5 strategie per restare focalizzati sulle nostre tasks.

Come concentrarsi? È una domanda che ci poniamo sempre più spesso perché siamo diventati decisamente distratti: se nel 2000 riuscivamo a mantenere alta l'attenzione per 15 secondi di seguito oggi, secondo gli scienziati, siamo arrivati appena a 8. Il motivo in parte sta nel nostro cervello che tende a spostare la concentrazione da uno stimolo all’altro, e in parte sta proprio negli stimoli che negli ultimi anni, anzitutto per via di device elettronici, ma anche per via della mole di cose da fare e della brutta abitudine di credersi multitasking, ci rendono meno produttivi, anzitutto al lavoro.

Un fenomeno che si chiama «switching time» e determina l'aumento di almeno il 25% del tempo per portare a termine un'attività. È possibile ridurlo? La risposta è sì, se abbiamo intenzione di riuscirci. Ecco allora come concentrarsi, per cominciare, con 5 stategie anti-distrazione facili e utili.

📲 Impostare le notifiche dei device in modo smart, silenziando quelle che non servono.

🔇 Creare silenzio con cuffie o tappi antirumore. (Ok, può darsi che non siano trendy, ma quel che conta è che siano utili).

🏃‍♂️ Pensare come un centometrista: come hanno suggerito anche gli esperti di Harvard, per non distrarci dovremmo avere in chiaro in mente dove vogliamo arrivare, definendo il nostro tempo in blocchi.

⏰ Fare delle pause: per mantenere la concentrazione occorre prendere una pausa di 5 minuti ogni ora, facendo qualcosa di completamente diverso dal lavoro e lontano dallo schermo, anche per far riposare gli occhi.

🔍Individuare cosa ci fa distrarre, prendere consapevolezza e quando nella mente si crea confusione, fare un bel respiro, prima di ricominciare più energici e concentrati nelle nostre mansioni.

Fonte:GQ