STORIE DI SUCCESSO: FRANCA SOZZANI

Era soprannominata la "Signora della moda", per il prestigio e l'influenza conquistati in questo settore. Uno dei più grandi Direttori della carta stampata, dopo essere stata per ben 28 anni alla guida della rivista Vogue Italia. Parliamo di Franca Sozzani, nata a Mantova nel 1950, da padre ingegnere e mamma casalinga. Capelli biondi, occhi azzurri, sempre graziosa ed elegante: Franca studia al liceo classico per poi trasferirsi a Milano, dove completa gli studi all'Università Cattolica del Sacro Cuore, laureandosi in lettere e filosofia.
Inizia la sua carriera, giovanissima, muovendo i primi passi nella casa editrice Condé Nast ma lavorando come come segretaria, ancora lontana dal mondo della moda. Il salto nell'editoria avviene nel 1973, quando le viene proposto di lavorare come redattrice per la rivista Vogue Bambini. Dopo pochi anni, nel 1980, diventa Direttrice della rivista Lei, la versione italiana di Glamour. Il 1988, però, sarà l'anno della svolta: Franca Sozzani assume la direzione di Vogue Italia e non la lascerà più. Non solo Vogue Italia ma anche L'Uomo Vogue, di cui è Direttore Responsabile dal 1988 al 2006.
Non solo carta stampata ma anche web: nel 2010, Franca Sozzani lancia il sito internet Vogue.it, primo sito dedicato alla moda.
Uno stile discreto, una ferrea dedizione al lavoro e una determinazione che l'hanno portata a diventare il punto di riferimento della moda nel nostro Paese. Con il suo incessante lavoro di ricerca e promozione, ha contribuito a scoprire designer, modelle e fotografi. Attraverso la Sozzani, Vogue Italia ha ospitato alcuni tra i più grandi fotografi del mondo, Peter Lindbergh a Steven Meisel, da Tim Walker a Paolo Roversi che grazie alla sua Direttrice hanno potuto esprimere liberamente la loro arte, convinta che la moda andasse oltre vestiti e scarpe. È proprio questa "contaminazione" delle arti, che ha contraddistinto il "suo" Vogue, per tutti gli anni in cui ne è stata la Direttrice, una rivista che grazie a lei, anno dopo anno, è diventata "arbitro" del gusto e delle tendenze, non cercando la popolarità attraverso copertine da celebrities, ma puntando sulla creatività di fotografi e stylist. 
Non solo moda, però nella sua storia di successo: dal 2013 è stata Presidente della Fondazione IEO, l'Istituto Europeo di Oncologia di Milano ed è stata nominata Ambasciatrice del Programma alimentare mondiale dell'ONU.
Dopo la sua scomparsa, nel 2016, Franca Sozzani è stata ricordata e omaggiata al 73° Festival del cinema di Venezia in un documentario "Chaos And Creation", girato dal figlio, fotografo e regista, Francesco Carozzini.

 
Photo credits: Google