Header_news

2022, Obiettivo flessibilità

Icon_candidate_small

20 Settembre 2021

Share

Il lavoratore del futuro? Sarà elastico, flessibile, ibrido.

Pronto a lasciarsi dietro i faldoni dell’ufficio per districarsi tra le task di tutti i giorni anche da casa o in uno spazio di coworking.
Lo dichiarano le aziende: “Indietro non si torna” e lo confermano Inps e Bankitalia, che da gennaio 2022 consentiranno ai dipendenti di lavorare rispettivamente due turni a settimana e dieci giorni al mese da remoto.

Sembra certo ormai che il lavoro così come lo concepivamo prima della pandemia non sopravvivrà al Covid, ma evolverà offrendoci risvolti inaspettati. Dimentichiamo lo smart working così come l’abbiamo vissuto durante questi mesi di emergenza sanitaria e prepariamoci ad un 2022 con più regole ma anche con più equilibrio.

L’idea di mescolare lavoro in presenza e da remoto per le aziende funziona, quindi sarà compito del lavoratore agile adattarsi a questa nuova condizione e sfruttarla al meglio per trarne i dovuti beneficiQuali sono? Vediamone alcuni insieme:

? Riduzione di tempi e costi per il trasporto – I giorni dedicati allo smart working non prevedono grandi spostamenti da casa, quindi il risparmio per carburante, auto, mezzi pubblici o taxi sarà innegabile.
?Migliore work-life balance – Lavorando da casa si avrà più tempo per gestire tutte le attività collaterali a quella lavorativa, dalla cura di sé stessi a quella per la famiglia e gli animali domestici, dal sonno all’alimentazione, dall’allenamento ad eventuali hobby.
? Minori emissioni di sostanze inquinanti – Nei giorni in cui non si dovrà raggiungere l’ufficio per lavorare si ridurranno le emissioni di CO2 e la produzione di rifiuti di plastica, carta o cartone solitamente utilizzati per imballare il cibo da asporto per il pranzo.
? Meno distrazioni, più soddisfazioni – Lavorare in uno spazio familiare o in un ufficio condiviso significa meno distrazioni, meno interruzioni e negligenze. Dedicare meno attenzione al contesto e più cura alle mansioni affidate contribuisce a mantenere alta la motivazione e la concentrazione, garantendo risultati brillanti e più soddisfazione nello svolgere l’attività lavorativa.

Sotto questo punto di vista la flessibilità richiesta ai lavoratori non assume un’accezione negativa, bensì una connotazione estremamente personale, che rifletterà i valori e le virtù del singolo spingendolo ad un continuo faccia a faccia con sé stesso, con le proprie attitudini, le potenzialità, i limiti che si porrà e quelli che supererà.

Icon_candidate_small
Lavora nel settore Horeca con Humangest!

martedì, 27 Febbraio 2024

Sogni un'estate a Portofino? Lavora con Humangest! Avrai l'opportunità di vivere la riviera ligure lavorando nelle migliori strutture balneari. Invia ora il tuo CV!

Vuoi saperne di più?

Trova la tua filiale!

Contattaci