Header_news

PIGIAMA A LAVORO DAY: I LOOK DEGLI ITALIANI IN SMART WORKING

Icon_candidate_small

16 Aprile 2021

Share

Nato come “national wear your pijamas to work day“, il giorno dell’orgoglio pigiamico vede la luce del giorno negli Stati Uniti, indiscussa terra natia delle giornate più assurde. Il giorno della tenuta notturna al lavoro è nato per scherzo, con l’obiettivo di dare un po’ di relax agli ambienti di lavoro più stressanti. Ha inoltre un notevole vantaggio: almeno per un giorno all’anno regala qualche minuto di sonno in più agli eterni ritardatari.

La celebrazione vorrebbe che si indossasse il pigiama completo, cioè pantaloni e maglia nel caso di una mise notturna in due pezzi. Tutti i materiali sono ammessi, così come le fantasie. E ai piedi? Le ciabatte, possibilmente quelle usate di solito in casa. La tenuta ideale le vorrebbe abbinate all’abito, ma si può indossarle solo giunti sul luogo di lavoro, causa difficoltà di spostamento in auto e mezzi pubblici. L’idea è nata molto prima della diffusione del lavoro da casa, con testimonianze di un primo festeggiamento che risalirebbe almeno al 2004.

Ma oggi, con lo smart working diventato una pratica consueta, quali sono le tendenze in termini di outfit di quanti ogni giorno affrontano riunioni, briefing e chiusure di accordi commerciali direttamente dalle mura domestiche? 

I LOOK “DA CASA”
Come si vestono gli italiani quando lavorano da casa? In base a una ricerca condotta da InfoJobs, quasi 66 intervistati su 100 prediligono la comodità. Vince a mani basse l’abbigliamento sportivo, ma c’è anche un 15% che dichiara di rimanere in pigiama tutto il giorno. Solo circa il 17% non ha modificato il suo stile in base al cambio di location lavorativa. In particolare, per quanto riguarda le riunioni in videocall, dai dati emerge un sostanziale testa a testa tra chi opta per un outfit comunque impeccabile e completo (scarpe incluse) e chi, invece, sceglie un look “a mezzo busto”: elegante dalla cintura in su ma, sotto, via libera a pigiama, calzettoni e ciabatte. Menzione speciale anche per una minoranza: quel 7% di lavoratori da remoto che ammette di prediligere mise formali con capo e clienti e di riservare pigiami o tutone per i collegamenti con i colleghi.

Fonti: www.tgcom24.it – www.commentimemorabili.it 
Designed by Freepik

Icon_candidate_small
Lavora nel settore Horeca con Humangest!

martedì, 27 Febbraio 2024

Sogni un'estate a Portofino? Lavora con Humangest! Avrai l'opportunità di vivere la riviera ligure lavorando nelle migliori strutture balneari. Invia ora il tuo CV!

Vuoi saperne di più?

Trova la tua filiale!

Contattaci