Header_news

Il posto fisso? Non è più fra le priorità dei giovani

Icon_eventi_small

11 Luglio 2022

Share

I risultati di una ricerca dell’Università di Pavia: scarsa l’importanza attribuita al tipo di contratto, si preferisce remunerazione e qualità del lavoro. 

Il posto fisso? Da massima aspettativa professionale a condizione n on così indispensabile. Così cambia la percezione dei giovani secondo un’indagine realizzata dal Cirsis (Centro Interdipartimentale di Ricerca sui Sistemi di Istruzione Superiore)

dell’Università di Pavia e commissionata dall’agenzia per il lavoro Humangest. I risultati dell’osservatorio – che ha coinvolto laureandi e neo-laureati di tutta Italia per conoscere le aspettative e le percezioni dei giovani che iniziano a confrontarsi con il mondo del lavoro – hanno mostrato tendenze in netta discontinuità con le evidenze delle ricerche simili svolte nello scorso decennio.

In particolare, mentre la coerenza dell’occupazione con la propria disciplina di studi passa drasticamente in secondo piano (importante solo per il 4,5% dei laureati e il 6,7% dei laureandi coinvolti), cresce l’importanza della remunerazione economica adeguata (importante per il 71,2% dei laureati e il 67,3% laureandi, con uno scostamento del 5% circa fra le discipline Stem, leggermente meno sensibili a questa variabile per una maggior fiducia nella rendita del loro titolo di s t u d i o , e q u e l l e umanistiche), anche a discapito della stabilità del non più così fondamentale “posto fisso”: scarsa, infatti, l’importanza attribuita al tipo di contratto posseduto o da ricercare(molto importante solo per il 5,2% laureandi e per il10,5% dei laureati) e della stabilità dell’azienda o organizzazione con cui si lavora o si vorrebbe lavorare (6,5% per i laureati e 4,2% per i laureandi). ***Contenuto riservato agli abbonati del quotidiano “La Stampa”***

Fonte: La Stampa. Articolo a firma di Leonardo Di Paco. 

Icon_candidate_small
Trovare lavoro nel 2024: skills e professioni in più rapida ascesa

giovedì, 8 Febbraio 2024

Evoluzione e Innovazione sono i due volti che caratterizzano il presente e il futuro scenario lavorativo, in Italia e all’estero, nel 2024. Il cambiamento si percepisce dalle modalità in cui lavoriamo, dalle competenze richieste e da quelle desiderate, se vogliamo avere una marcia in più. I dati LinkedIn ci mostrano che “gli skill set richiesti […]
Icon_candidate_small
Competenze Digitali: richieste ad oltre 2 milioni di neoassunti

lunedì, 29 Gennaio 2024

L'articolo de Il Sole 24 Ore, pubblicato mercoledì 10 gennaio a firma di Marco Morino e Claudio Tucci, fotografa uno spaccato dell'attuale mercato del lavoro, in cui le competenze digitali vengono richieste ad oltre 2 milioni di neoassunti.

Vuoi saperne di più?

Trova la tua filiale!

Contattaci