Header_news

Migliorare la produttività a lavoro con un buon piatto di pasta

Icon_candidate_small

22 Ottobre 2021

Share

Secondo un Rapporto del 2005 dell’Ufficio Internazionale del Lavoro, un regime alimentare troppo povero o un’alimentazione troppo ricca sul luogo di lavoro può provocare una perdita di produttività del 20%. Lo stesso Rapporto testimonia che, a monte di modesti investimenti per migliorare l’alimentazione sul lavoro, le ricadute in termini di riduzione dei giorni di malattia e degli infortuni sul lavoro sarebbero notevoli.

Un’alimentazione bilanciata, adeguata e completa è sufficiente per garantire un buon livello di performance mentale e fisica.

Una corretta dieta per i lavoratori deve prendere in considerazione:
? le proprietà energetiche e nutritive dei vari alimenti (carboidrati, proteine, zuccheri e grassi);
? il tipo di lavoro svolto (sedentario, vario, leggero, pesante);
? l’ambiente in cui viene svolto (temperatura, umidità, ecc.);
? l’orario di lavoro (continuato, turni);
? il tipo di alimentazione abituale (nazionalità, religione, ecc.);
? le attività extra lavorative (sport, secondo lavoro, hobby.

Per evitare la diminuzione della resistenza alla fatica e della prontezza dei riflessi, i pasti consumati durante il lavoro devono essere:
? non troppo abbondanti;
? facilmente digeribili;
? prevalentemente costituiti da carboidrati (pane, pasta, riso), legumi, frutta e verdura (alimenti ad alto contenuto di sali minerali) e da un adeguato apporto idrico.

? Ne consegue che un buon piatto di pasta integrale accompagnata da proteine e verdure resta un evergreen perfetto per la pausa pranzo lavorativa!

Fonte: www.inail.it

Icon_candidate_small
Lavora nel settore Horeca con Humangest!

martedì, 27 Febbraio 2024

Sogni un'estate a Portofino? Lavora con Humangest! Avrai l'opportunità di vivere la riviera ligure lavorando nelle migliori strutture balneari. Invia ora il tuo CV!

Vuoi saperne di più?

Trova la tua filiale!

Contattaci