Header_news

Conflitti in azienda? Risolvili così!

Icon_candidate_small

23 Giugno 2024

Share

Recentemente è stato pubblicato sul blog di IPSOA un articolo dal titolo “Conflict management in azienda: come trasformarli in opportunità di crescita“. Si tratta di un argomento che, involontariamente, coinvolge tutte le persone che lavorano in un contesto aziendale. Che si lavori con 1 o 1.000 colleghi, è praticamente impossibile non incappare, almeno una volta, in un conflitto.

“La gestione dei conflitti è un aspetto cruciale nella vita di un’azienda, in quanto le situazioni conflittuali possono emergere in qualsiasi momento e in qualsiasi contesto. Meglio evitarli, certo, ma ancora più importante saperli gestire.

Una sapiente gestione dei conflitti non solo risolve i problemi immediati, ma può anche trasformarsi in un’opportunità di crescita e miglioramento per l’intero team aziendale. Cerchiamo, dunque, di vedere quali sono le migliori tecniche e principi per gestire i conflitti e come questi possono essere trasformati in momenti di crescita per migliorare il benessere dell’organizzazione.

Conflitti in azienda: tipologie

Prima di passare in rassegna le tecniche per la gestione dei conflitti, è importante comprendere quali possono essere le diverse tipologie di conflitti in un contesto come quello aziendale:
• Cominciamo dai conflitti interpersonali: tra di essi rientrano quelli tra due o più individui causati da differenze di personalità e carattere, stili di lavoro, opinioni, valori e convinzioni.
• Passiamo poi ai conflitti intra-gruppo: sono essi i conflitti che nascono dentro un team di lavoro, un dipartimento o una divisione, e il più delle volte sono legati a divergenze di obiettivi, di procedure e stili di lavoro e di competenze tecniche.
• Si passa così ai conflitti inter-gruppo: qui ci troviamo di fronte a team diversi – il più delle volte appartenenti ad aree aziendali o reparti diversi – che possono avere obiettivi divergenti, oppure risorse contrastanti.
• Infine, i conflitti gerarchici: questi avvengono tra i diversi livelli dell’organizzazione, ad esempio tra manager e collaboratori.

Conflitti a lavoro: le cause

Cerchiamo di sintetizzare quali possono essere le cause più frequenti di conflitto nel contesto aziendale:

• Differenze di personalità e di carattere: sono forse le più frequenti nel contesto lavorativo; ciascuno di noi porta se stesso con il proprio carico di soddisfazioni e insoddisfazioni, paure e ansie, ambizioni e convinzioni. Poiché tali aspetti sono per lo più inconsci, ecco che ogni persona pensa di aver ragione e di agire per il meglio e che siano gli altri strani o sbagliati. Da qui muove il conflitto, che il più delle volte agisce su prese di posizione nella dicotomia tra chi ha torto e ragione, di chi ha iniziato per primo, di chi è colpevole e così via.
• Problemi di comunicazione: il malinteso, il fraintendimento e l’equivoco sono all’ordine del giorno. Ciascuno pensa di essersi spiegato bene e di aver detto tutto il necessario, pertanto, se l’altro non capisce è colpa sua. Nulla di più frequente della cattiva comunicazione tra colleghi. A ciò si aggiunga che spesso la comunicazione passa attraverso lo scritto di email e messaggi: niente di più sbagliato e pericoloso. Chi riceve uno scritto, interpreta, deduce e trae le proprie conseguenze, senza possibilità di interazione con il mittente. 
• Differenze valoriali: la cultura in cui si cresce diventa il nutrimento per ciascuno e così i valori base, le credenze e le convinzioni su ogni aspetto della vita: dalla politica alla religione, dall’etica al rispetto delle regole.
• Differenze di obiettivi: è comune trovare all’interno dello stesso team di lavoro o tra team che collaborano persone che hanno obiettivi diversi, a cominciare dal significato che attribuiscono al lavoro nel contesto più generale della propria vita. Da ciò discendono naturalmente approcci diversi, impegno diversi e conflitti conseguenti.
• Antagonismo eccessivo: il luogo di lavoro, soprattutto nelle posizioni economicamente più interessanti, può diventare un campo di gara e di scontro, dove gli sgambetti possono rappresentare una tecnica per vincere e aggiudicarsi premi, promozioni e visibilità.
 Ruoli e responsabilità ambigui: la mancanza di chiarezza sul proprio ruolo e sulle responsabilità conseguenti può diventare fonte di stress, ansia e frustrazione. In un tale humus è molto più facile scontrarsi e cadere nel conflitto con colleghi e capi.
• Frustrazione per promesse non mantenute: è forse la prima causa di conflitto tra le gerarchie. Promozioni promesse e poi non date, premi assicurati e poi mai conferiti, percorsi di crescita bloccati. Tutte occasioni di frustrazione che spesso finiscono in conflitto aperto o in turnover. 

Tecniche di gestione dei conflitti

La corretta gestione di un conflitto parte dall’analisi delle cause e delle caratteristiche del conflitto, dalla scelta dello stile di gestione più appropriato in base alla situazione e dall’applicazione delle tecniche di comunicazione e di negoziazione più efficaci.

Vediamo le principali:
• Ascolto attivo: quindi prestare attenzione alle necessità e alle opinioni degli altri con attenzione e senza distrazioni.
• Comunicazione efficace: essere chiari nel trasmettere informazioni per evitare malintesi.
• Feedback costruttivo: vuol dire saper fornire feedback che siano concreti, precisi, dati nell’interesse di chi li riceve. 
• Focalizzarsi sugli interessi e non sulle posizioni di principio: da lì si può trovare punti di accordo che possano servire come base per il compromesso.
• Flessibilità nell’esplorare le opzioni: quindi saper considerare diverse soluzioni possibili e valutare i loro pro e contro.

Un’ottima pratica è quella di creare le condizioni per il confronto costante tra le persone, con riunioni di team regolari, survey di analisi del clima, interviste individuali, retreat e attività di team building, apertura a formatori esterni e condivisione di valori dove la diversità, il rispetto e l’innovazione siano le basi su cui fondare il business aziendale mettendo le persone al centro.

Ricordiamo che i costi dei conflitti non gestiti possono essere molto rilevanti su lungo periodo, a cominciare dal clima aziendale negativo, all’aumento dello stress e delle rigidità di comportamento, alla diminuzione della produttività individuale e di team, fino al turnover e al danno reputazionale.”

Icon_candidate_small
Lavora come Operatore Call Center Inbound

venerdì, 12 Luglio 2024

Cerchi lavoro nel settore delle Telecomunicazioni? Trovalo con Humangest! Stiamo cercando Operatori Call Center Inbound per un'importante azienda di telecomunicazioni. Se hai eccellenti capacità comunicative, orientamento al cliente e sei disponibile a lavorare su turni, questa è la posizione che fa per te!

Vuoi saperne di più?

Trova la tua filiale!

Contattaci